CODICE ETICO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

1 INTRODUZIONE

La Società ETS S.p.A. – Engineering and Technical Services (di seguito indicata come ETS) La Società ETS S.p.A. nasce nel 1992 come evoluzione dello Studio Tecnico Associato di Ingegneria avviato nel 1986 dai due attuali titolari, Ing. Donato Romano e Ing. Giambattista Parietti.
In 25 anni di presenza continuativa sul mercato dei servizi di ingegneria E.T.S. S.p.A. ha maturato i seguenti requisiti:

  • Esperienza e competenze professionali di progettazione, direzione lavori, coordinamento sicurezza, efficienza energetica,
  • Specializzazione in tutti i settori dell’ingegneria civile e impiantistica,
  • Progettazione edilizia innovativa residenziale, industriale, ospedaliera e terziaria,
  • Progettazione viabilistica di strade e autostrade, di linee tranviarie e ferrovie con particolare riferimento alle nuove tecnologie,
  • Personale tecnico altamente specializzato nei vari settori, dotato di strumenti gestionali e di apparecchiature tecnologiche avanzate, motivato a lavorare in team su incarichi complessi e su commesse sia in ambito nazionale che estero,

L’esperienza acquisita nei settori sopra indicati permette di acquisire importanti commesse sia in ambito pubblico che privato.
E.T.S. S.p.A. ha un fatturato che si colloca nella fascia 3 ÷ 6 M€, e conta circa 35 risorse tra dipendenti e collaboratori stabili.

1.1 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

ETS, attraverso il presente Codice Etico, intende:

  • Definire ed esplicitare i valori ed i principi etici generali che informano la propria attività ed i propri rapporti con clienti, fornitori, soci, cittadini, dipendenti, collaboratori, amministratori, istituzioni pubbliche ed ogni altro soggetto coinvolto nell’attività dell’azienda,
  • Rispettare tutte le leggi vigenti nei Paesi in cui svolge le sue attività professionali,
  • Formalizzare l’impegno a comportarsi sulla base dei seguenti principi etici: legittimità morale, equità ed eguaglianza verso ciascuno evitando ogni discriminazione in base ad età, sesso, salute, razza, nazionalità, opinioni politiche, convinzioni religiose,
  • Operare professionalmente garantendo la tutela della persona, la tutela dell’ambiente, con diligenza, trasparenza ed onestà, riservatezza, imparzialità, garantendo la protezione della salute di tutti i soggetti coinvolti, direttamente ed indirettamente,
  • Ribadire l’impegno a tutelare i legittimi interessi dei propri soci e della organizzazione societaria,
  • Indicare ai propri amministratori, dipendenti, direttori tecnici, collaboratori e consulenti, i principi di comportamento, i valori e le responsabilità di cui richiede il puntuale rispetto nel corso dell’erogazione della prestazione lavorativa,
  • Riconoscere che la propria attività può influire sullo sviluppo economico e sociale, sul migliore utilizzo delle risorse pubbliche nonché sul benessere generale della collettività in termini di sicurezza e impatto sull’ambiente e, in tal senso, orienta il proprio operato sulla tutela di tali valori.

1.2 DESTINATARI

Le norme di cui al presente Codice si applicano, senza alcuna eccezione:

  • Ai componenti del Consiglio di Amministrazione e Soci Azionisti,
  • Ai dipendenti, collaboratori / consulenti e collaboratori esterni,
  • Ad ogni altro soggetto pubblico o privato che, a qualunque titolo intrattenga rapporti con ETS, direttamente o indirettamente, stabilmente, temporaneamente o saltuariamente.

Ciascun Destinatario è tenuto a conoscere il Codice Etico, a contribuire attivamente alla sua attuazione ed a segnalarne eventuali carenze all’organismo appositamente istituito da ETS.

2 MISSIONE VALORI

ETS riconosce la centralità delle persone che operano per conto della propria organizzazione e richiede a tutti i livelli dell’organizzazione comportamenti coerenti con la legge, le regole e le norme stabilite per garantire la propria reputazione e la qualità del servizio.
Per realizzare la missione aziendale, ETS opera in base ai valori di imparzialità, intesa come impegno ad assicurare forme comportamentali e di giudizio non affette da criteri impliciti e/o estranei agli obiettivi da tutti riconosciuti, competenza, cioè il costante impegno a scegliere, formare, aggiornare e motivare le risorse umane, in modo da assicurare il massimo livello di qualità e professionalità dell’azione di ognuno, credibilità, ovvero attenzione ad infondere fiducia in tutti i destinatari (Committenti, Clienti e Organizzazioni Pubbliche e Private ) sul fatto che ETS è in grado di portare a termine gli impegni assunti.
Mantenendo questi valori alla base, ETS si impegna al perseguimento dell’eccellenza in tutte le proprie azioni, ricercando il miglioramento continuo del modo di operare, mantenendo un’attenzione costante ai dettagli in ogni fase del lavoro e utilizzando le risorse nel modo più efficiente possibile.
Analogamente, l’impegno basato sui criteri espressi nel Codice Etico si manifesta anche come senso di responsabilità e rispetto verso la Società Civile, riduzione dell’impatto sull’ambiente, e pieno rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

3 REGOLE DI CONDOTTA

3.1 REGOLE DI CONDOTTA PER LE RISORSE UMANE

Le risorse umane sono un elemento indispensabile dell’organizzazione aziendale e sono quindi la principale fonte del successo.
ETS offre a tutti i propri dipendenti e collaboratori interni le stesse opportunità, sulla base di criteri di merito e nel rispetto del principio di uguaglianza, senza discriminazione alcuna, e consente ad ognuno di sviluppare le proprie attitudini, capacità e competenze, promuovendo la crescita professionale anche attraverso programmi di formazione o di addestramento e corsi di aggiornamento.
Garantisce inoltre pari opportunità nelle attività di selezione e reclutamento del personale, rifiutando qualsiasi forma di favoritismo, nepotismo o clientelismo.
Tutti coloro che operano e collaborano con ETS hanno il dovere di mantenere e fare tenere ai propri interlocutori un comportamento conforme ai principi di:

  • Legalità,
  • Onestà,
  • Correttezza,
  • Trasparenza,
  • Imparzialità,
  • Riservatezza delle informazioni,
  • Diligenza,
  • Lealtà,
  • Buona fede,
  • Reciproco rispetto.

3.1.1 Organi Sociali E Vertici Aziendali

Gli organi sociali di ETS, nella consapevolezza delle proprie responsabilità, si ispirano ai principi contenuti nel presente Codice, orientando la propria attività a valori di onestà, integrità nel perseguimento degli obiettivi aziendali, lealtà, correttezza, rispetto delle persone e delle regole, collaborazione reciproca.
L’impegno dei soci, degli amministratori, della direzione tecnica e dell’organismo di vigilanza è la conduzione responsabile della società, nel perseguimento di obiettivi di creazione di valore e l’esatto espletamento delle funzioni loro affidate dall’ordinamento. La collaborazione tra soci, amministratori, direttore tecnico, si basa su un sistema di condivisione degli obiettivi strategico-operativi propri della missione di ETS, in cui i diversi ruoli di gestione, coordinamento, indirizzo e controllo trovano equilibrio.
Grava sui singoli la valutazione delle situazioni di conflitto d’interesse o di incompatibilità di funzioni, incarichi e posizioni all’esterno così come all’interno di ETS. È fatto onere a ciascun socio, amministratore, direttore tecnico, di usare il massimo rigore nell’apprezzamento di tali circostanze, a vantaggio di un rapporto trasparente e proficuo della società nei confronti dei soggetti coinvolti nell’attività dell’azienda, le istituzioni, i soci e gli utenti.
Ai componenti gli organi sociali sono richiesti:

  • Un comportamento ispirato ad autonomia e indipendenza, fornendo informazioni corrette,
  • Un comportamento ispirato ad integrità, lealtà e senso di responsabilità nei confronti della Società,
  • La partecipazione assidua ed informata all’attività della Società,
  • La consapevolezza del ruolo all’interno della Società,
  • La condivisione degli obiettivi e spirito critico, al fine di garantire un contributo personale significativo.

La legittima manifestazione di posizioni divergenti non può andare a detrimento dell’immagine, del prestigio e degli interessi della Società, che è responsabilità degli organi di vertice difendere e promuovere. Eventuali dichiarazioni ed ogni intervento in pubblico debbono avvenire in un quadro di stretta coerenza con tale principio.
Le informazioni ricevute per ragioni di ufficio sono considerate riservate e ne è vietato ogni uso non derivante dall’espletamento istituzionale delle funzioni cui ciascun socio, amministratore, direttore tecnico, consigliere, è preposto.
Gli impegni di lealtà e riservatezza assunti accettando cariche e/o ruoli di responsabilità all’interno di ETS vincolano le persone anche successivamente alla cessazione del rapporto con la Società.

3.1.2 Coordinamento Tecnico

I Capi Commessa hanno l’obbligo di:

  • Mantenere un comportamento che sia di esempio per i propri collaboratori,
  • Promuovere in ogni circostanza l’osservanza delle norme del presente Codice,
  • Operare affinché i collaboratori e consulenti esterni comprendano e applichino il rispetto delle norme del Codice etico,
  • Adottare le misure correttive immediate quando richieste dalla situazione e provvedere immediatamente a darne comunicazione al Consiglio d’Amministrazione.

3.1.3 Collaboratori Esterni

Il comportamento di tutti i collaboratori esterni di ETS deve essere improntato ad analoghi principi di correttezza, buona fede e rispetto delle leggi e della regolamentazione in vigore; ad essi può essere richiesto dalle funzioni competenti, in relazione alle procedure esistenti e al tipo ed estensione dell’attività richiesta, di sottoscrivere le previsioni contenute nel presente Codice Etico.
In caso di ravvisato inadempimento del presente Codice, comunicheranno al Direttore Tecnico o agli altri vertici aziendali amministrativo ogni anomalia riscontrata.

3.1.4 Dipendenti E Collaboratori Interni

Il collaboratore interno ha l’obbligo di:

  • Cooperare con i colleghi, i dirigenti e/o i Capi Commessa, comunicando tutte le informazioni e ponendo in essere tutti i comportamenti che consentano di operare con la massima efficienza nella esecuzione dei compiti attribuiti e nel perseguimento degli obiettivi comuni,
  • Promuovere la conoscenza del Codice di Comportamento nei confronti di tutti i soggetti con cui si trattengono rapporti, sia di natura formale che informale, nell’ambito dello svolgimento della propria attività,
  • Acquisire le competenze professionali indispensabili per l’espletamento delle sue attività e mantenere, per tutta la durata dell’attività lavorativa, un adeguato livello di conoscenze ed esperienze, aggiornando la sua preparazione e frequentando i corsi di aggiornamento o di riqualificazione qualora questi siano proposti ed attivati dalla Società,
  • Non trarre profitto o, comunque, qualsiasi vantaggio, diretto o indiretto, con o senza danno per la Società, da quanto forma oggetto delle sue funzioni e prestazioni,
  • Osservare le istruzioni e le disposizioni impartite da ETS, nonché ogni disposizione normativa applicabile.

3.2 CONFLITTO D’INTERESSI

Nello svolgimento del proprio lavoro i Destinatari sono tenuti ad evitare ogni possibile conflitto di interessi, con particolare riferimento a interessi personali e/o familiari che potrebbero influenzare l’indipendenza del proprio giudizio ed entrare in contrasto con le responsabilità nei confronti di ETS.
Nei rapporti con i terzi, i Destinatari devono operare secondo le norme etiche e legali, con esplicito divieto di ricorrere a favoritismi illegittimi, pratiche collusive, di corruzione o di sollecitazione di vantaggi personali per sé o per altri.
A titolo esemplificativo, possono configurare conflitto di interesse le seguenti situazioni:

  • Svolgere attività lavorativa, anche da parte dei familiari, presso clienti, fornitori o concorrenti,
  • Avere interessi economici o finanziari, anche attraverso familiari, con clienti, fornitori o concorrenti,
  • Accettare denaro o favori da parte di soggetti che intendono entrare in affari con ETS,
  • Utilizzare informazioni ottenute in occasione dello svolgimento delle proprie funzioni aziendali in modo che si possa creare conflitto tra gli interessi propri e quelli della Società.

Ogni Destinatario deve immediatamente riferire al proprio referente interno qualsiasi situazione che costituisca o possa generare un conflitto di interessi.
In particolare, il dipendente deve comunicare l’esistenza di un rapporto di lavoro stabile o temporaneo, o una relazione di tipo finanziario, commerciale, professionale, familiare con entità esterne a ETS che possa influire sull’imparzialità della sua condotta o pregiudicare la correttezza delle attività da lui svolte.

3.3 REGALI, OMAGGI E BENEFICI

Sono stabilite regole precise per la gestione di regali e omaggi o qualsiasi forma di beneficio o altre utilità quale, ad esempio, promesse di lavoro.

3.3.1 Omaggi e rapporti commerciali ed istituzionali

Nello svolgimento delle ordinarie relazioni esterne di carattere commerciale ed istituzionale, gli omaggi, regali o benefici offerti da ETS sono orientati esclusivamente a scelte di promozione della propria immagine e non possono in nessun caso essere interpretate come eccedente le normali pratiche commerciali o di cortesia.
ETS si astiene da comportamenti e attività non consentite dalla legge, dagli usi commerciali e dai codici etici, se noti, delle società e degli enti, anche pubblici, con cui è in rapporti.

3.3.2 Obblighi specifici del personale

Ogni Destinatario del Codice deve astenersi dall’accettare doni o omaggi eccedenti le normali prassi di cortesia, nonché dall’accettare, per sé o per altri, ogni altra offerta di beneficio o utilità volta a comprometterne l’indipendenza di giudizio e la correttezza operativa.
Qualora gli amministratori e dipendenti ricevano omaggi o benefici non rientranti nelle fattispecie consentite, sono tenuti a darne informazione all’Organismo di Vigilanza per le opportune valutazioni.

3.3.3 Insider trading, protezione di informazioni, protezione ed uso corretto dei beni della società

Gli Amministratori, i dipendenti e i consulenti di ETS sono tenuti a leggere attentamente e a rispettare le norme di legge e le procedure poste in essere relative alla prevenzione di attività di insider trading, per la protezione di informazioni e dati confidenziali e della proprietà intellettuale e per la protezione e il corretto uso dei beni della Società medesima.

3.4 LA GESTIONE DEGLI AFFARI

ETS nella gestione degli affari e nei rapporti con i terzi, si ispira ai principi di lealtà, correttezza, trasparenza, efficienza ed apertura al mercato astenendosi da comportamenti di abuso di posizione dominante o che possano compromettere la libera concorrenza. (Rif. Art. 513 del Codice Penale – Turbata libertà dell’industria o del commercio).
I Destinatari, nella gestione degli affari e nei rapporti con l’esterno sono tenuti ad un comportamento etico e rispettoso delle leggi e dei regolamenti dei Paesi in cui ETS opera, improntato al rispetto dei principi richiamati nel presente Codice.
Sono tenuti altresì, nella gestione delle attività di loro competenza, ad un comportamento allineato alle politiche aziendali nel rispetto della normativa vigente e delle procedure aziendali adottate da ETS.

3.5 RENDICONTAZIONE E DOCUMENTAZIONE

Al fine di preservare l’affidabilità delle comunicazioni sociali, a tutela della corretta e veritiera rappresentazione dei risultati economici, patrimoniali e finanziari e a garanzia che il complesso delle attività svolte risulti coerente all’assetto organizzativo e delle deleghe interne, oltre che conforme alle leggi, ai regolamenti ed alle norme di Vigilanza, ciascun dipendente o collaboratore di ETS è tenuto a contribuire allo scopo di salvaguardare la corretta rendicontazione di ogni fatto di gestione e a custodire, secondo criteri idonei ad una agevole reperibilità, la documentazione di supporto dell’attività svolta.
Il Consiglio d’Amministrazione di ETS deve assicurare il corretto funzionamento degli organi societari nel rispetto di quanto previsto dallo Statuto e dalla normativa vigente, ed è tenuto a divulgare le informazioni a carattere amministrativo e finanziario agli Enti Pubblici preposti ai controlli fiscali e patrimoniali, nonché agli Enti Finanziatori e Banche.

I dipendenti e i collaboratori sono inoltre tenuti ad informare tempestivamente i propri responsabili dell’eventuale riscontro di omissioni, gravi trascuratezze o falsificazioni della contabilità e/o della documentazione sulla quale si basano le registrazioni contabili.

ETS opera con la massima trasparenza e chiarezza a livello amministrativo e contabile, garantendo veridicità, accuratezza e completezza delle informazioni relative ad ogni registrazione contabile, in particolare per quanto attiene agli adempimenti relativi al bilancio e ai documenti collegati.
Al fine di impedire un uso distorto dei fondi aziendali o la registrazione di transazioni fittizie, per ogni operazione viene conservata un’adeguata documentazione di supporto dell’attività svolta, tale da consentire l’effettuazione di controlli che accertino le caratteristiche, le motivazioni dell’operazione e individuino chi ha autorizzato, effettuato, registrato e verificato l’operazione.
Tutte le attività di ETS, svolte dai Destinatari nell’espletamento dei propri compiti, devono essere legittime, autorizzate, verificabili, correttamente registrate e documentate, coerenti e congrue, conformi alla normativa vigente ed alle disposizioni di cui al presente Codice.
È fatto divieto di porre in essere comportamenti che possono arrecare pregiudizio alla trasparenza e tracciabilità dell’informativa di bilancio.
Ogni operazione e transazione avente rilevanza economica, finanziaria e patrimoniale deve avere una registrazione adeguata e deve essere supportata da adeguata documentazione, al fine di poter procedere, in ogni momento, all’effettuazione dei relativi controlli volti a verificare il processo decisionale, a consentire la ricostruzione accurata dell’operazione e l’agevole individuazione dei vari livelli di responsabilità e di ripartizione dei compiti.
La documentazione di supporto delle operazioni svolte deve essere conservata agli atti in modo corretto ed in conformità alla normativa vigente.
ETS cura la tempestiva elaborazione di rendiconti finanziari periodici, in modo che siano completi, accurati, attendibili e comprensibili.
I Destinatari dovranno consentire ai soggetti autorizzati di accedere ai dati ed alla documentazione ed a fornire informazioni e supporto in base alle loro necessità.

3.6 CONTRASTO DEL RICICLAGGIO

ETS adotta come principio base quello della massima trasparenza delle transazioni commerciali e predispone gli strumenti più opportuni al fine di contrastare i fenomeni di riciclaggio e ricettazione.
ETS procede a verificare, con la massima diligenza, le informazioni disponibili, anche di natura finanziaria, sui fornitori, sulle controparti commerciali, sui partner e sui consulenti, al fine di appurare la loro rispettabilità e la legittimità della loro attività prima di instaurare con tali soggetti rapporti d’affari.

3.7 TUTELA DEI BENI AZIENDALI – STRUMENTI INFORMATICI

Ogni Destinatario è tenuto ad operare con diligenza per tutelare i beni aziendali utilizzando in modo corretto e responsabile gli strumenti a lui affidati ed evitandone un uso improprio.
Con particolare riferimento all’utilizzo degli strumenti informatici, ogni Destinatario è tenuto a rispettare scrupolosamente quanto previsto dalla documentazione del Sistema Qualità, al fine di non compromettere la funzionalità e la protezione dei sistemi informatici.
In sintesi, non è consentito:

  • Utilizzare gli strumenti a disposizione per scopi che non siano legati ad esigenze di lavoro,
  • Scaricare programmi o installare software non autorizzato, o differente da quello fornito dall’Azienda,
  • Utilizzare la rete aziendale a fini di pirateria informatica o pedopornografia,
  • Utilizzare software privi di licenza commerciale,
  • Duplicare software a fini personali,
  • Compiere azioni di ricettazione (compravendita di software senza licenza),
  • Inviare messaggi di posta elettronica ingiuriosi o che possano recare offesa alla persona e/o danno all’immagine aziendale,
  • Navigare su siti internet con contenuti indecorosi ed offensivi e comunque non autorizzati.

Fermo restando il rispetto di quanto previsto dalle leggi vigenti (GDPR e altre Leggi sulla Privacy, Statuto dei Lavoratori, ecc.), ETS si riserva il diritto di impedire utilizzi distorti dei propri beni ed infrastrutture attraverso l’impiego di opportuni sistemi di controllo.

3.8 TUTELA DELLE INFORMAZIONI E DELLA PROPRIETA’ INTELLETTUALE

Le informazioni aziendali di qualsiasi natura (commerciale, finanziaria, tecnologica, ecc.) rappresentano un bene che ETS intende proteggere.
È quindi fatto divieto di rivelare a persone non autorizzate (all’interno e/o all’esterno) informazioni che possano mettere a rischio l’attività professionale e commerciale di della Società ETS.
ETS ritiene di assoluta priorità proteggere la proprietà intellettuale con ogni mezzo legale a disposizione secondo i dettami di Legge.
Allo stesso modo le informazioni ricevute da terzi sono trattate da ETS nel pieno rispetto della riservatezza e della privacy degli interessati.
Ciascun Destinatario deve operare con la massima cura e diligenza al fine di tutelare le informazioni Aziendali, nel rispetto delle procedure operative predisposte dalla Società per regolamentarne l’utilizzo, nonché della normativa vigente.
I Destinatari dovranno altresì evitare l’uso di dette informazioni aziendali che siano impropri, fraudolenti e/o non conformi ai fini perseguiti, e che possano essere causa di danno o comunque in contrasto con gli interessi della Società.

3.9 TUTELA DELLE RISORSE UMANE

3.9.1 Rispetto del contratto e della normativa sul lavoro

ETS è impegnata a rispettare i diritti umani fondamentali, le leggi e le normative sul lavoro vigenti. In particolare, ogni dipendente è assunto con regolare contratto di lavoro e non è tollerata alcuna forma di lavoro irregolare, minorile o di “lavoro nero”.
Per ogni collaboratore è predisposto un contratto scritto redatto in conformità alle leggi vigenti e sottoscritto per accettazione dall’interessato.

3.9.2 Selezione, gestione e sviluppo delle risorse umane

ETS evita qualsiasi forma di discriminazione nei confronti dei propri dipendenti / collaboratori ed adotta criteri obiettivi nella selezione, gestione e sviluppo delle risorse umane.
In particolare, la valutazione del personale da assumere e dei consulenti da parte di ETS è effettuata in base alla corrispondenza dei profili dei candidati rispetto alle esigenze aziendali, alle procedure specifiche di selezione e nel rispetto delle pari opportunità per tutti i soggetti interessati. ETS è impegnata a valorizzare ed accrescere le competenze delle proprie risorse umane e mira ad offrire a tutto il personale aziendale opportunità di sviluppo sulla base delle competenze e capacità, evitando ogni forma di discriminazione, legata all’età, al sesso, alla razza, allo stato di salute, alla nazionalità, alle opinioni politiche e alle credenze religiose.

3.9.3 Igiene, sicurezza e salute dei lavoratori

ETS adotta tutte le misure necessarie a tutelare l’integrità psicofisica dei propri dipendenti e collaboratori, nonché a garantire condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale e ambienti di lavoro sicuri e salubri, in piena conformità al D.Lgs. 81/08 e s.m.i. ed a tutta la legislazione in materia.
ETS si impegna a diffondere e consolidare tra tutti i propri dipendenti e collaboratori una cultura della sicurezza, sviluppando la consapevolezza dei rischi e promuovendo comportamenti responsabili da parte di tali soggetti ed operando per preservare, con azioni soprattutto preventive, la salute, la sicurezza e l’incolumità dei lavoratori.
Tutti i dipendenti e collaboratori di ETS hanno l’obbligo di adottare le misure di prevenzione stabilite dalla medesima Società e di rispettare le prescrizioni in materia di igiene, salute e sicurezza volte alla prevenzione dei rischi connessi alla attività lavorativa svolta.

3.9.4 Molestie, mobbing o discriminazioni

A tutto il personale aziendale, vengono garantite condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale, in ambienti di lavoro sicuri e salubri.
In particolare, ETS non tollera:

  • Abusi di potere (es: richiedere, come atto dovuto al superiore gerarchico, prestazioni e favori personali, oppure assumere atteggiamenti o compiere azioni che siano lesive della dignità e autonomia del collaboratore),
  • Atti di violenza psicologica, mobbing,
  • Comportamenti discriminatori per motivi sessuali, religiosi, politici, razziali o sindacali,
  • Atteggiamenti o comportamenti discriminatori o lesivi della persona e delle sue convinzioni,
  • Molestie sessuali, comportamenti o discorsi che possano turbare la sensibilità personale.

3.9.5 Abuso di sostanze alcoliche o stupefacenti

È considerato comportamento riprovevole la prestazione dell’attività lavorativa svolta sotto gli effetti di sostanze alcoliche o di stupefacenti, oltre alla consumazione di tali sostanze durante gli orari lavorativi.

3.9.6 Divieto di fumo

È vietato fumare negli ambienti di lavoro e nei luoghi ave sono conservate attrezzature informatiche. ETS, in ogni caso, terrà in considerazione la condizione di disagio, da parte dei non fumatori e, dall’altra parte, dei fumatori, individuando luoghi dove sarà eventualmente possibile recarsi per fumare.

3.10 TUTELA DELLA PRIVACY

ETS opera in conformità alle prescrizioni del Codice sulla Privacy (Regolamento UE 679/2016 “GDPR”) adottando adeguate modalità di trattamento e conservazione delle informazioni.
In riferimento ai dati personali dei Destinatari e di tutti coloro che interagiscono con ETS a qualsiasi titolo, garantisce che il trattamento avvenga nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità degli interessati.
Il trattamento dei dati personali è gestito in modo lecito e secondo correttezza e comunque sono raccolti e registrati solo dati necessari per scopi determinati, espliciti e legittimi.
La conservazione dei dati avverrà per un periodo di tempo non superiore a quello necessario alle finalità della raccolta.
ETS, in conformità alla menzionata normativa, ha adottato idonee e preventive misure di sicurezza al fine di evitare rischi di distruzione e perdite, accessi non autorizzati e trattamenti non consentiti, nonché delle specifiche procedure per garantire la protezione delle informazioni.
È vietato, fatte salve le ipotesi previste dalla legge, comunicare o diffondere i dati personali senza previo consenso dell’interessato. Non sono ammesse indagini su opinioni e preferenze personali e, in generale, sulla vita privata del personale aziendale.

3.11 RAPPORTI CON I CLIENTI

ETS, nei rapporti con i Clienti ed i Committenti, assicura correttezza, serietà, lealtà e chiarezza nelle trattative commerciali e nell’assunzione dei vincoli contrattuali, nonché il fedele e diligente adempimento delle obbligazioni contrattuali.
I contratti sono redatti in conformità alle normative vigenti ed alle procedure aziendali, nel rispetto dei principi di trasparenza, imparzialità e completezza.
I Destinatari promuovono la massima imparzialità e rifiutano qualsiasi forma di discriminazione nei rapporti con la clientela, nonché evitano di ricorrere a pratiche elusive o scorrette.
I rapporti con i clienti devono essere improntati alla cortesia ed alla condivisione degli obiettivi, perseguendo i più elevati standard qualitativi ed al fine di offrire servizi in grado di ottenere la massima soddisfazione della clientela stessa.

3.12 RAPPORTI CON I FORNITORI

La selezione dei fornitori e la formulazione delle condizioni di acquisto dei beni e servizi da parte di ETS sono improntate ai principi e parametri di concorrenza, etica morale e professionale, liceità, obiettività, correttezza, imparzialità, equità nel prezzo, qualità del bene e/o del servizio.
I fornitori sono selezionati sulla base delle procedure del Sistema Qualità.
Nei rapporti con i fornitori, si devono evitare quei comportamenti che possano recare pregiudizio o danno, anche indiretti, alla Società, oppure rechino un ingiustificato favoritismo, avvantaggiando un fornitore rispetto ad altri.
Nei rapporti con tali soggetti, tutti si devono ispirare ai principi di trasparenza, correttezza e legalità, nella convinzione che la qualità dei beni e servizi forniti determina la qualità dei beni e servizi offerti ai clienti.

3.13 CRITERI DI COMPORTAMENTO VERSO I TERZI E LA COLLETTIVITÀ

ETS assicura la piena trasparenza nello svolgimento dell’attività e nelle scelte gestionali. La Società è attenta a fornire tutte le informazioni richieste dalla Legge e necessarie affinché le decisioni dei Clienti possano essere basate sulle scelte strategiche aziendali, sull’andamento della gestione e sulla redditività.
La Società pone la chiarezza e la fedeltà delle informazioni quale fondamento delle relazioni con i propri soci. La politica di trasparenza è adottata dalla Società anche nei confronti degli analisti finanziari.
La Società può erogare contributi ad organizzazioni previa verifica che ciò non costituisca un conflitto d’interesse (ad esempio, a sindacati, associazioni ambientalistiche o a tutela dei consumatori); fatto salvo quanto sopra, è possibile cooperare, anche finanziariamente, con tali organizzazioni per specifici progetti in base ai seguenti criteri: 1) finalità riconducibili alla missione di ETS; 2) destinazione chiara e documentabile delle risorse; 3) espressa autorizzazione da parte delle funzioni preposte alla gestione di tali rapporti nell’ambito della Società.
La Società pone la massima attenzione al rispetto degli interessi della collettività e considera dovere di ciascuno collaborare, al fine di migliorare la qualità della vita e del vivere civile.
La Società considera l’ambiente e la natura valori fondamentali e patrimonio di tutti, da tutelare e da difendere. Per tali ragioni, pone il massimo impegno nell’orientare la propria attività al rispetto di tali principi.
La Società potrà erogare contributi e sponsorizzazioni per iniziative sociali e culturali nel rispetto delle normative vigenti e dei principi contenuti nel presente codice.
Nella selezione delle iniziative culturali, la Società, i dipendenti e i collaboratori della stessa sono tenuti ad evitare qualunque forma di conflitto di interessi di ordine personale o aziendale.

La Società può aderire a richiesta di contributi limitatamente alle proposte provenienti da enti e associazioni senza fini di lucro, che siano regolarmente costituite, abbiano un elevato valore culturale o benefico e che siano di respiro nazionale.
Le attività di sponsorizzazione che possono riguardare i temi del sociale, dell’ambiente, dello sport, dello spettacolo e dell’arte, sono destinate solo ad eventi che offrano garanzia di qualità o per i quali la Società può collaborare alla progettazione, in modo da garantirne originalità ed efficacia. In ogni caso, nella scelta delle proposte a cui aderire, la Società presta particolare attenzione verso ogni possibile conflitto d’interessi di ordine personale o aziendale (ad esempio, rapporti di parentela con i soggetti interessati o legami con organi- smi che possono, per i compiti che svolgono, favorire in qualche modo l’attività della Società).

3.13.1 Rapporti con i mass media

I dipendenti e i collaboratori sono tenuti a non fornire informazioni a organi di comunicazioni di massa senza esserne stati specificamente e previamente autorizzati dalle funzioni competenti.
La Società contrasta e respinge ogni forma di disinformazione e/o diffusione non accurata e/o imprecisa di notizie che concernano sé stessa e/o la sua attività.
Nei casi sopra evidenziati, saranno assunte le più opportune iniziative dirette a tutelare l’immagine e a garantire la correttezza dell’informazione riguardante la Società.
Comunque, le informazioni e le comunicazioni, relative alla Società e destinate all’esterno, dovranno essere accurate, veritiere, complete, trasparenti e tra loro omogenee.

3.13.2 Rapporti con le Istituzioni

I rapporti con la Pubblica Amministrazione, le Istituzioni di Stato o internazionali devono essere improntati al rispetto dei principi di trasparenza, chiarezza e correttezza e tali da non indurre ad interpretazioni falsate, parziali o fuorvianti da parte dei soggetti istituzionali pubblici con i quali si intrattengono rapporti a vario titolo.
I rapporti con tali soggetti devono essere intrattenuti esclusivamente da coloro che all’interno sono stati a ciò espressamente delegati.
Non è ammesso, né direttamente né indirettamente, né per il tramite di interposta persona, offrire, promettere denaro, doni o compensi o altre utilità, sotto qualsiasi forma, a rappresentanti, funzionari o dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, salvo che si tratti di doni di modico valore ed in conformità agli usi e sempre che non possano essere intesi come rivolti alla ricerca di indebiti favori.
Non è ammesso altresì esercitare illecite pressioni, né tentare di instaurare relazioni personali di favore, influenza, ingerenza nei confronti di tali soggetti, idonee a condizionare, direttamente o indirettamente l’esito del rapporto.
Nel caso di rapporti commerciali con la Pubblica Amministrazione o di partecipazione a procedure ad evidenza pubblica, è necessario operare sempre nel rispetto delle leggi e della corretta prassi commerciale.
Chiunque riceva richieste esplicite o implicite di benefici di qualsiasi natura da parte di soggetti appartenenti alla Pubblica Amministrazione dovrà immediatamente sospendere ogni rapporto con essi ed informare il Consiglio d’Amministrazione di ETS.
È vietato altresì utilizzare contributi, finanziamenti o altre erogazioni concesse dallo Stato, da Enti pubblici o dall’Unione Europea per scopi diversi da quelli per i quali gli stessi sono stati assegnati.

La comunicazione con i mass media da parte della ETS deve essere completa, trasparente e veritiera, improntata al rispetto della normativa vigente, dei regolamenti interni, nonché ai principi di correttezza professionale.
Nessuno può fornire informazioni inerenti la Società senza l’autorizzazione del Consiglio d’Amministrazione e ferma restando la normativa in tema di riservatezza.

4 VIOLAZIONI DEL CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

L’osservanza delle norme del presente Codice deve considerarsi parte essenziale delle obbligazioni contrattuali dei dipendenti. Essa deve altresì considerarsi parte essenziale delle obbligazioni contrattuali assunte dai collaboratori non subordinati e/o soggetti aventi relazioni d’affari con ETS.
Il Consiglio d’Amministrazione di ETS ha la responsabilità di far sì che le proprie aspettative di condotta nei confronti dei dipendenti siano da questi comprese e messe in pratica.
Pertanto, deve assicurare che gli impegni espressi nel Codice vengano attuati da tutti gli aventi causa.

4.1 SEGNALAZIONE DI VIOLAZIONI

Allo scopo di garantire l’effettiva applicazione del Codice, ETS richiede a tutti coloro che vengano a conoscenza di eventuali casi di inosservanza del presente Codice di effettuare una segnalazione.
I Destinatari devono riferire eventuali violazioni o sospetti di violazione al diretto superiore o al Consiglio d’Amministrazione.
IL Consiglio d’Amministrazione è tenuto a dare corso tempestivamente alla verifica puntuale ed attenta delle notizie trasmesse e, accertata la fondatezza della notizia assumerà le decisioni conseguenti.
Eventuali sanzioni disciplinari o attivazione dei meccanismi di risoluzione contrattuale.
Le segnalazioni devono essere effettuate per iscritto o verbale e contenere i riferimenti riguardanti la tentata violazione delle norme contenute nel presente Codice Etico. Il Consiglio d’Amministrazione garantirà che nessuno, in ambito lavorativo, possa subire ritorsioni, illeciti condizionamenti, disagi e discriminazioni, per aver segnalato la violazione dei contenuti del Codice Etico e di Comportamento o delle procedure interne.
Costituisce violazione del Codice anche qualsiasi forma di ritorsione nei confronti di chi ha effettuato in buona fede segnalazioni di possibili violazioni del Codice.
Inoltre, va considerata violazione del Codice il comportamento di chi accusi altri dipendenti di violazione, con la consapevolezza che tale violazione non sussiste.

4.2 SANZIONI

La violazione dei principi fissati nel Codice Etico e di Comportamento e nelle procedure aziendali compromette il rapporto di fiducia tra ETS e chiunque commetta la violazione (soci, personale aziendale, collaboratori, clienti, fornitori).
Le violazioni, una volta accertate, saranno perseguite con tempestività, attraverso l’adozione, compatibilmente a quanto previsto dal quadro normativa vigente (Contratto Collettivo di settore e/o Codice Civile), dei provvedimenti disciplinari adeguati e proporzionali alla violazione, indipendentemente dalla eventuale rilevanza penale di tali comportamenti e dall’instaurazione di un procedimento penale nei casi in cui costituiscano reato e per i quali ETS assicura una pronta segnalazione all’Autorità Giudiziaria.
Tali provvedimenti possono comprendere anche l’allontanamento dei responsabili di tali condotte illecite.
ETS a tutela della propria immagine e a salvaguardia delle proprie risorse, non intratterrà rapporti di alcun tipo con soggetti che non intendano operare nel rigoroso rispetto della normativa vigente, e/o che rifiutino di comportarsi secondo i valori ed i principi previsti dal Codice Etico e di Comportamento.

5 DIVULGAZIONE DEL CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

Il presente Codice è approvato dal Consiglio di Amministrazione e portato a conoscenza di tutti i Destinatari che operano per conto di ETS. Tutti i citati soggetti sono tenuti ad apprendere e a rispettarne i contenuti.
Il Codice Etico e di Comportamento è reperibile sul sito: www.etseng.it al fine di garantirne la più ampia diffusione.
Una copia viene messa a disposizione del personale interno tramite server aziendale.
A tutti i collaboratori esterni viene consegnata in formato elettronico al momento dell’incarico.
Allo scopo di assicurare la corretta comprensione del Codice Etico e di Comportamento, e impegno alla sua applicazione, ETS predispone un sistema di raccolta delle firme di tutti i Destinatari.

6 APPROVAZIONE DEL CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

Il Codice è stato adottato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione con efficacia immediata a decorrere dalla data di approvazione del 5 luglio 2018.
Il Codice è periodicamente oggetto di aggiornamento, modifiche o revisioni da parte del Consiglio di Amministrazione, anche su proposta del Responsabile Qualità, al fine di adeguarlo all’evoluzione della sensibilità civile e delle normative applicabili e delle esigenze interne.

Il Consiglio di Amministrazione di ETS S.p.A.